Moda-Confezione Abbigliamento - Blog - CARTAMODELLI

CARTAMODELLI

Vai ai contenuti

Menu principale:

Un mondo sostenibile? La risposta della moda

CARTAMODELLI
Pubblicato da in Moda-Confezione Abbigliamento ·
Tags: sostenibilitàmodatessutiabbigliamento
‘’ La sostenibilità è un modo di vivere e di agire,
una questione di coscienza, un impegno verso le generazioni future,
un nuovo modo di creare, produrre, distribuire, vendere’’

Con queste parole Ercole Botto Poala, presidente di Milano Unica, inaugura la 28’esima edizione del salone tessile, quindi la terza edizione del progetto sostenibilità.

E’ infatti proprio sostenibilità la parola chiave scelta da Milano Unica, come principio giuda per lo sviluppo e la crescita delle aziende tessili e d’abbigliamento. Ma entriamo nel dettaglio.

Il Progetto Sostenibilità di MU nasce nella fiera tenutasi a Febbraio 2018. Il titolo recitava ‘Save the Planet’, uno slogan semplice, efficace e che sicuramente non lasciava spazio a libere interpretazioni. L’adesione al progetto è stata fin da subito superiore alle aspettative con circa 53 espositori e la presentazione di circa 250 campioni tra tessuti e accessori, che si caratterizzavano come sostenibili sia per la scelta di materie prime che per tipologia di trattamenti a basso impatto ambientale.


Tale tendenza è notevolmente cresciuta nella seguente edizione, luglio 2018. Caratterizzata dalla domanda ‘ Is our future sustainable?’ ha potuto contare circa 123 imprese partecipanti ed oltre 750 campioni presentati. Tali campioni si caratterizzavano non solo, ancora, per materie prime e trattamenti a basso impatto, ma anche e soprattutto per l’assenza o la parziale eliminazione di sostanze chimiche pericolose.



Ma il progetto non si arresta e cresce a dismisura tanto che nell’ultima edizione di Febbraio 2019, ‘sustainable innovation’, al Progetto Sostenibilità è stata dedicata un’intera area espositiva, oltre che un video di presentazione e perfino un catalogo in cui vengono presentate tutte le aziende riconosciute come sostenibili. Ma il progetto cresce anche nelle ambizioni, si pone infatti sotto i riflettori l’intero processo produttivo e si punta sul ruolo delle imprese come vere e proprie motrici dell’innovazione sostenibile. MU è d’altronde una fiera di imprenditori per imprenditori, professionisti che sanno bene quanto importate sia applicare una simile svolta alle modalità produttive del settore.

Tale rivoluzione sostenibile, iniziata negli anni ’10, è cresciuta così tanto nel tempo da cambiare i parametri di competizione tra le varie aziende. Oggi è infatti indispensabile essere sostenibili per entrare nel mercato a livello globale. Una sostenibilità che però non si limita al diminuire esclusivamente l’impatto ambientale, ma che guarda a tutta la filiera di produzione, attuando opportune modifiche e\o innovazioni in ogni ambito del tessile. Con uno schema tratto dal catalogo MU è possibile infatti vedere in maniera molto semplificata, non solo tutti gli step da cui è composta la filiera, ma anche i metodi innovativi e sostenibili attuali, al fine di ottenere un prodotto certificato e riconosciuto dalla Commissione Tecnica.

Ciascuna delle aziende esposistrici è infatti valorizzata dall’esposizione di uno o più campioni corredati da un cartellino che ne identifica le principali caratteristiche, sistetizzate dai seguenti simboli.

Attraverso questi simboli è stato possibile notare la crescita in percentuale dei metodi attuati ai fini della sostenibilità. Ad esempio: i materiali tradizionali a basso impatto sono passati dal 14% degli scorsi anni al 31%; le fibre chimiche innovative bio based sono salite dal 4% al 13%, e così via.




Infine citiamo solo alcune delle certificazioni riconosciute alle aziende.
Al primo posto si trovano la certificazione Oeko-Tex® e la ZDHC e DETOX, la cui maggior attenzione risiede nell’eliminazione delle sostanze chimiche pericolose. Al secondo posto vi è la certificazione dello standard GOTS (Global Organic Textile Standard) relativa ai materiali provenienti da agricoltura biologica e, con un salto al quinto posto, abbiamo la certificazione dello standard GRS (Global Recycle Standard) relativa ai materiali originati da riciclo.




SI tratta quindi di un progetto in espansione, attivo e vigile riguardo un futuro che punta ed essere interamente sostenibile. Un progetto che nasce con le aziende e che spera di trovare opportune risposte nei consumatori. Consumatori attenti, oculati, e curiosi di scoprire che basta scegliere il giusto abito, come il giusto tessuto, per favorire un mondo sostenibile.





Cintura diritta per pantaloni e gonne

CARTAMODELLI
Pubblicato da in Moda-Confezione Abbigliamento ·
Tags: modamodaconfezioneabbigliamentomodasartoria

Confenzione del Taschino della Giacca

CARTAMODELLI
Pubblicato da in Moda-Confezione Abbigliamento ·
Tags: ModaConfezioneAbbigliamentoSartoria
Fashion Service,
Via Principe Amedeo 135
70121 Bari - Italia -

cartamodelli@cartamodelli.net
Torna ai contenuti | Torna al menu